2020 LA STRUTTURA DELLA BIBBIA

LA
STRUTTURA DELLA BIBBIA

La Bibbia, suddivisa in Antico Testamento e Nuovo Testamento o Prima Alleanza e Seconda Alleanza, è la grande Biblioteca della “Storia della salvezza”; una biblioteca con diverse sezioni di libri.

ANTICO TESTAMENTO / PRIMA ALLEANZA
ANTICO TESTAMENTO / PRIMA ALLEANZA

PENTATEUCO: raccoglie i primi cinque libri della Bibbia (Genesi, Esodo, Levitico, Numeri, Deuteronomio). Questi libri sono particolarmente venerati dalla tradizione ebraica, perchè rappresentano la “Legge di Dio”, scritta da Mosè. In ebraico sono chiamati “Torah”, che significa “insegnamento di vita rivelato”. Questi libri custodiscono l’inizio della “Storia della salvezza”.

SCHEMA DEL LIBRO:
Creazione e riposo divino (1,1-2,4a)
Gli inizi dell’umanità: dalla creazione al diluvio (2,4b-5,32)
Noè e il diluvio (6,1-9,29)
L’umanità dopo il diluvio (10,1-11,26)
Abramo (11,27-25,18)
Isacco e i suoi figli Esaù e Giacobbe (25,19-37,1)
Giuseppe e i suoi fratelli (37,2-50,26).

IL CONTENUTO:
Il titolo “Genesi” significa “Origine” o “Generazione”. In ebraico il libro è indicato con l’espressione iniziale Bereshìt, “In principio”. Il libro della Genesi si sviluppa come un solo grande affresco aperto dalla descrizione delle origini (1,1-11,26) e poi, nella parte più vasta (11,27-50,26), tutto occupato dalla storia dei patriarchi Abramo, Isacco, Giacobbe e Giuseppe. Si conclude con il racconto della emigrazione in Egitto di Giacobbe e della sua famiglia. Nella parte prima, il libro affronta i grandi enigmi dell’esistenza: origini dell’universo e dell’uomo, quale sia il giusto rapporto dell’uomo con Dio, il problema del bene e del male, del dolore, della morte, la crescita dell’umanità e il suo differenziarsi nello scorrere del tempo. Su questo sfondo vengono poi raccontate le vicende di un singolo uomo, Abramo, che Dio sceglie a suo interlocutore, strumento di benedizione per la sua famiglia e “per tutte le famiglie della terra” (12,1-3). Il libro narra quindi le vicende dei discendenti di Abramo.

AUTORE E DESTINATARI
Il primo destinatario del libro della Genesi fu il popolo d’Israele, in particolare il popolo tornato dall’esilio babilonese. La tradizione d’Israele e quella della Chiesa hanno attribuito l’intero Pentateuco, e quindi anche il libro della Genesi, all’opera di Mosè. Gli studi degli ultimi secoli hanno mostrato, tuttavia, la complessità del processo di scrittura del libro: tradizioni diverse confluiscono nell’ultima redazione, portando con sé la memoria di momenti storici diversi e ambienti diversi del popolo d’Israele e convogliando riflessioni teologiche differenti sull’esperienza del popolo con il suo Dio. Come tutto il Pentateuco, anche la Genesi dovette raggiungere la sua forma attuale verso i secoli V-IV a.C.

CARATTERISTICHE TEOLOGICHE
I quesiti dell’esistenza umana non vengono affrontati con riflessioni o ragionamenti teorici, ma attraverso il racconto. Le genealogie servono a esprimere lo scorrere della storia attraverso le generazioni e a collocare in rapporto tra loro i diversi popoli. In ogni momento, il protagonista delle vicende è sempre e soltanto Dio che, con la sua presenza e la sua parola, proietta una luce di speranza anche sulle situazioni più angosciose. Nell’insieme del libro compaiono alcune grandi tematiche, che si ritrovano poi nell’intera Bibbia: alleanza, promessa, peccato, salvezza, benedizione, terra come dono di Dio, circoncisione, discendenza di Abramo.

SCHEMA DEL LIBRO:
In Egitto: gli Ebrei oppressi e liberati (1,1-15,21)
Nel deserto: le tappe verso il Sinai (15,22-18,27)
Al Sinai: alleanza e santuario (19,1-40,38).

IL CONTENUTO:
“Esodo” significa “uscita”: s’intende l’uscita degli Ebrei dall’Egitto verso la libertà, narrata nei primi quindici capitoli di questo libro. In ebraico il libro è chiamato Shemòt, “I nomi”, da una delle prime parole. I discendenti di Giacobbe scesi in Egitto sono diventati un popolo numeroso e per questo vengono oppressi dal faraone. Il Signore li libera dalla schiavitù (cc.1-15); li fa incamminare nel deserto verso la terra promessa (cc.16-18); stringe con loro un’alleanza, subito infranta e ristabilita (cc.19-24; 32-34); infine egli stesso viene a dimorare in mezzo a loro nel santuario mobile (cc. 25-31; 35-40). Il libro dell’Esodo contiene i cardini della fede, dell’identità e della vita d’Israele: il Signore, mediante Mosè, rivela il proprio Nome al popolo; fa sperimentare la propria presenza nei “segni” forti contro l’Egitto e nella salvezza al Mar Rosso. La celebrazione della Pasqua permette a ogni generazione di Ebrei di rivivere e riappropriarsi della liberazione dalla schiavitù. Mediante l’alleanza al Sinai, Israele diviene il popolo di Dio, con l’impegno di osservare la legge. Nella tenda innalzata da Mosè, Dio abita in mezzo al suo popolo. 

AUTORE E DATA DI COMPOSIZIONE:
La tradizione ebraica e cristiana lo hanno attribuito, come gli altri del Pentateuco, all’attività letteraria di Mosè, ma gli studi degli ultimi tre secoli hanno dimostrato la complessità delle tra dizioni che vi sono confluite e le rielaborazioni che si sono succedute. Oggi si ritiene che il libro dell’Esodo, nella sua stesura attuale, sia da porsi tra il V e il IV sec. a.C.

LE CARATTERISTICHE TEOLOGICHE:
Il libro dell’Esodo è composto prevalentemente da narrazioni e da leggi: si raccontano le opere di Dio e si narra come Dio stesso offra l’alleanza e chieda fedeltà alla legge. Solo nell’intreccio di racconto e di legislazione si può comprendere il libro, ma si deve anche tenere conto della distanza di tempo e di cultura che ci separa dai testi che leggiamo. 

Nella lettura sinagogale e nelle celebrazioni delle sue feste, Israele, da sempre, si riconosce come colui che continuamente “esce” dall’Egitto, accoglie la legge del suo Dio e vive con lui nell’alleanza del Sinai.

Per i cristiani, la liberazione di Israele dalla schiavitù d’Egitto è una prefigurazione e un anticipo della redenzione che Dio opera per tutti gli uomini mediante Gesù (At 7,12-53; 1Cor 10,1-13; 11,23-25; Ap 15,1-4).

Contenuto della scheda
Contenuto della scheda
Contenuto della scheda

LIBRI STORICI: narrano la Storia di Israele dall’arrivo alla Terra promessa fino alla venuta del Messia: coprono un arco di tempo di circa dodici secoli.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.
Contenuto della scheda
Contenuto della scheda
Contenuto della scheda
Contenuto della scheda
Contenuto della scheda
Contenuto della scheda
Contenuto della scheda
Contenuto della scheda
Contenuto della scheda
Contenuto della scheda

LIBRI SAPIENZIALI: offrono una sapiente riflessione sulla vita dell’uomo e sulla via per compiere il bene. Si tratta per lo più di testi poetici, di proverbi e di canti.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.
Contenuto della scheda
Contenuto della scheda
Contenuto della scheda
Contenuto della scheda
Contenuto della scheda
Contenuto della scheda
HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com